Acqua di Rose fai da te. Come prepararla? Ricette e utilizzi

La cura della bellezza femminile ha subito cambiamenti e sviluppi durante il passare degli anni; alcuni prodotti sono migliorati, altri scomparsi. C’è chi poi resiste al trascorrere del tempo, senza mai passare di moda. L’Acqua di Rose è un evergreen comparso tra le ricette beauty molti anni fa, impiegata dalle donne di tutto il pianeta per svariati usi cosmetici.

E’ un perfetto tonico per il viso, profuma i capelli, deodora la biancheria, vaporizza una fresca nuvola profumata sulla pelle. I petali di Rosa sono inoltre commestibili; l’Acqua che ne deriva trova addirittura utilizzo in ambito culinario. Può essere impiegata per profumare prodotti quali sapone, shampoo e lozioni districanti per capelli. Siete stanche di acquistarla al supermercato? Ecco come produrre l’Acqua di Rose fai da te, comodamente a casa, con ingredienti genuini e buoni per la pelle.

Acqua di rose

Acqua di Rose fai da te, Ebollizione vs. Distillazione

Esistono due metodi relativamente semplici per produrre l’Acqua di Rose a casa. La soluzione più rapida consiste nel far bollire petali di rosa (secchi o freschi) in acqua. Ne deriverà un liquido profumato e leggermente rosato, ottimo per gli utilizzi rapidi (poiché possiede una durata piuttosto limitata).

Con la distillazione otterremo invece un idrosol (ovvero una soluzione colloidale in cui il mezzo disperdente è l’acqua) facile da produrre ma con tempi di preparazione più lunghi. L’idrosol sarà a lunga conservazione, leggermente rosato e profumato.

La scelta dei petali di Rosa

In natura esistono diverse centinaia di varietà di rose; se questi magnifici fiori crescono nel vostro giardino, potrete tranquillamente utilizzare i petali per produrre l’Acqua di Rose fai da te. Coglieteli al mattino, quando i fiori saranno più fragranti e provate la ricetta suggerita. Sarà’ inoltre possibile acquistare le rose in negozio, assicurandosi che arrivino da coltivazioni organiche, ovvero prive di pesticidi e sostanze chimiche che inquinerebbero il cosmetico.

Preferite i petali secchi? In commercio è possibile trovare pacchetti già pronti, profumati e addirittura commestibili.

Se le rose non fanno per voi, potrete sempre decidere di sostituirle con la lavanda, un altro fiore eccezionale per la nostra bellezza.

Acqua di Rose: utilizzi

L’Acqua di Rose è utile e versatile, ecco alcuni consigli per sfruttarla al meglio:

  • Spray profumati

Quante volte scegliete i vostri cosmetici in base alla profumazione? Probabilmente spesso. Purtroppo i profumi sintetici sono spesso ingredienti pericolosi utilizzati in questa tipologia prodotti. L’Acqua di Rose rappresenta il punto ideale di partenza per produrre spray profumati naturali, da utilizzare vaporizzati su corpo e capelli, diluiti nello shampoo o tamponati su collo e polsi per una delicata nota floreale.

Profumo per capelli:

Mescolate oli essenziali e 1 cucchiaino di estratto puro di vaniglia in un flacone spray in vetro da 100 ml; riempitelo poi con l’Acqua di Rose. Vaporizzate sui capelli a piacimento. La chioma risulterà rinfrescata e delicatamente profumata. Conservate in frigorifero.

Oli essenziali suggeriti:

  • 3 gocce di Patchouli
  • 4 gocce di Ylang Ylang
  • 3 gocce di rosmarino
  • 4 gocce di legno di cedro
  • 5 gocce di lavanda
  • 4 gocce di pompelmo
  • 4 gocce di bergamotto

Deodorante per la biancheria

Preparate un flacone spray riempito con Acqua di Rose ed un paio di gocce di olio essenziale di rosa o di lavanda. Nebulizzate sulle lenzuola prima di coricarvi, il sonno diverrà più rilassante e piacevolmente profumato.

  • Cura della pelle

L’Acqua di Rose vanta inoltre eccellenti utilizzi all’interno della skin care quotidiana; aiuta a bilanciare il pH della pelle, riduce irritazioni e rossori, restringe i pori e lenisce la pelle ustionata. Ecco qualche utile ricetta!

Tonico per il viso

Riempite una bottiglia di vetro scuro con l’Acqua di Rose fai da te, aggiungete un paio di gocce di lavanda oppure di olio essenziale di rosa e applicate sul volto tamponando con un batuffolo di cotone. Ideale dopo la doccia e la fase si démaquillage.

Vaporizzatore per il viso

Applicate un tappo spray sulla bottiglia di vetro scuro per nebulizzare il prodotto sul viso all’occorrenza. Tenetelo in borsa per una sferzata di freschezza al viso on the go. In estate conservate il liquido in frigorifero, per combattere il caldo.

Lenire le scottature

Mescolate Acqua di Rose e Aceto di Mele in parti uguali in un flacone spray; vaporizzate il tutto sulla pelle ustionata dal sole per trarre sollievo immediato.

  • Aromaterapia

Il profumo dell’Acqua di Rose solleva l’umore, rilassa e calma. Vaporizzatelo semplicemente intorno a voi, oppure aggiungetene 2 tazze nella vasca da bagno, per un momento di puro relax.

  • Usi culinari

  • Nel Tè: aggiungete a piacere Acqua di Rose fai da te nelle tisane e negli infusi
  • Nello Yogurt: insaporitelo delicatamente, aggiungendone un cucchiaino
  • Nella Limonata: rendetela più gustosa con un tocco inedito

Come produrre l’Acqua di Rose fai da te?

Esistono 2 metodi: ebollizione o distillazione. Come distinguerli?

Opzione 1: Ebollizione

Ingredienti:

  • Petali di rosa secchi (o freschi da fonte biologica, senza pesticidi)
  • Acqua
  • Pentola con coperchio
  • Garze assorbenti
  • Bottiglia di vetro scuro per la conservazione (con tappo spray opzionale)

Indicazioni:

  • Inserite 1/4 di tazza di petali secchi nella pentola, oppure da 1/2 a 3/4 di tazza nel caso in cui i petali siano freschi
  • Versare 1 tazza abbondante di acqua nella pentola
  • Coprite e portate ad ebollizione
  • Portate la temperatura al livello più basso possibile, lasciando comunque che l’acqua continui a bollire
  • Lasciate cuocere a fuoco lento, per circa 5/10 minuti, fino a quando i petali di rosa saranno quasi divenuti incolore.
  • Lasciate raffreddare completamente senza togliere il coperchio
  • Versate acqua e petali nella bottiglia di vetro scura, filtrando tramite le garze
  • Sarà possibile conservare l’Acqua di rose per diverse settimane se mantenuta in frigorifero, 1 sola se lasciata a temperatura ambiente.

Opzione 2: Distillazione

Ingredienti:

  • Petali di rosa secchi (o freschi da fonte biologica, senza pesticidi)
  • Acqua
  • Ghiaccio
  • Grande pentola con coperchio
  • Un mattone pulito (un vero e proprio mattone, da casa!)
  • Ciotola di vetro
  • Bottiglia di vetro scuro per la conservazione (con tappo spray opzionale)

Indicazioni:

  • Ponete il mattone pulito sul fondo della vostra grande pentola
  • Mettete la ciotola di vetro sulla parte superiore del mattone
  • Misurate 1 tazza abbondante di petali di rosa secchi, oppure 3 o 5 tazze nel caso in cui abbiate petali freschi
  • Premete delicatamente i petali verso il basso, in modo che finiscano ben distribuiti sul mattone (NON nella ciotola di vetro)
  • Riempite la pentola con acqua, fino a coprire di poco il mattone
  • Coprite la pentola, ribaltando il coperchio. Ciò consentirà al vapore di finire in punta, gocciolando dentro alla ciotola di vetro
  • Mettete il ghiaccio sulla parte superiore del coperchio, in modo da incoraggiare la condensa del vapore. Utilizzatelo all’interno di un sacchetto, così da poterlo sostituire con altro fresco non appena si sarà sciolto. E’ molto importante mantenere il vapore all’interno della pentola, poiché proprio questo creerà la vostra Acqua di Rose fai da te!
  • Portate ad ebollizione
  • Mantenete la temperatura al livello più basso possibile, lasciando comunque che l’acqua continui a bollire
  • Sostituite di volta in volta il ghiaccio sciolte e fate cuocere per almeno 30 minuti
  • Togliete dal fuoco e lasciate raffreddare completamente
  • Sollevate con estrema attenzione il coperchio, in modo che nessuna goccia di ghiaccio fuso cada all’interno della pentola.
  • Versate l’Acqua di Rose cadute nella ciotola di vetro all’interno della vostra bottiglia scura
  • Il composto durerà fino a sei mesi, anche fuori dal frigorifero.

Scegliete l’opzione preferita e provate subito a produrre la vostra Acqua di Rose fai da te! Delicatamente profumata, naturale, ottima su capelli, viso e corpo. Un cosmetico versatile e sempre in voga, immancabile nella beauty routine quotidiana. Nel caso in cui abbiate deciso di utilizzare in alternativa la lavanda, procedete nel medesimo modo. Buona preparazione!

Patrizia

Potrebbe interessarti anche:

12 Commenti

Aggiungi una risposta
  1. Grazie per l’interessante articolo. Non ne conoscevo i numerosi utilizzi.
    Se si volesse comprare quali ci consigli?

  2. Io adoro l’acqua di rose e ho sia l’intramontabile di Roberts che un’altra versione bio, entrambe con un profumo gradevolissimo che amo al punto che ho acquistato le creme antiage giorno e notte di Bioearth alla rosa canina, dopo aver sniffato un profumatissimo campioncino. Mia madre ha alcune rose profumatissime e da tempo ci chiedevamo come riutilizzare i petali che sono davvero spettacolari, ma restano profumati per poco tempo ed ora, grazie a questo articolo, mi deciderò davvero a produrre la mia acqua di rose.

  3. Io un anno fa circa stavo cercando proprio una ricetta di queste poichè disponevo di un numero abbondante di rose e volevo provarlo a fare! Grazie di queste ricette. Le proverò sicuramente 😉

  4. Io da qualche settimane sto usando l’acqua di rose spruzzandola su tutto il viso e ormai non ne posso più farne a meno. Ha tanti benefici e altri usi li ho scoperti oggi grazie a te. Sarebbe interessante farla a casa. Quest’estate se fioriranno delle rose in giardino mi cimenterò sicuramente 🙂

  5. Ormai è uno dei miei tonici preferiti, oltre ad una validissima acqua profumata per l’estate…farsela in casa deve essere bello, di quelle cose che danno soddisfazione, ma avendo lavorato da ragazzina in un negozio di fiori non mi arrischierei mai con quelle comprate! Si possono invece valutare quelle essiccate vendute in erboristeria ad esempio, se non si ha la possibilità di coltivarle in casa…interessante anche l’uso culinario che mi è totalmente sconosciuto, e pensare che in Oriente ci cucinano praticamente tutto con le rose! Grazie dell’utile ed istruttivo articolo Patty, riprenderò questa ricetta non appena avrò la possibilità di cimentarmi!;-)

  6. Non conoscevo tutti questi utilizzi per l’acqua di rose!..prossimamente nel mio giardino piantero’ le rose..così da averle sempre a portata di mano!!grazie mille Patrizia!!! :))))

  7. Wow Patrizia, che meraviglia!!!! adoro l’idea di sostituire (per chi non piace) le rose con la lavanda, adoro la possibilità di creare un profumo per capelli che è sempre utilissimo o un prodotto da vaporizzare sul viso *_* grazie del bellissimo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.