Olio di cocco per l’abbronzatura: Guida all’utilizzo

In questa guida scoprirai come utilizzarle al meglio l’olio di cocco per l’abbronzatura. Perché utilizzarlo, come utilizzarlo e quali scegliere.

L’estate è il momento ideale per prendere il sole sulla pelle ma occorre tenere in considerazione il fatto di esporre la pelle secondo determinate disposizioni di sicurezza, specialmente se si vuole raggiungere un ottimo grado di abbronzatura.

Infatti, per avere un’abbronzatura perfetta e proteggere al tempo stesso la pelle, non tutti i rimedi sono consigliati ed efficaci: ad esempio, i lettini abbronzanti non sono naturali e sdraiarsi sulla spiaggia per ore può esporre la pelle ai raggi UV e danneggiarla. Anche l’applicazione di una crema solare spesso non dà i risultati sperati, quindi la migliore opzione sono i rimedi naturali come l’ olio di cocco.

Olio di cocco per l'abbronzatura

Da sempre utilizzato dalle donne della Polinesia per avere un colore dorato sulla pelle ed i capelli sempre luminosi, l’olio di cocco ha tante proprietà benefiche ed è molto più naturale perché privo di sostanze come paraffina o profumi sintetici. Ecco nello specifico perché usare l’olio di cocco per l’abbronzatura.

Il miglior olio di cocco:

Olio di Cocco Biologico certificato Extra Vergine confezione maxi da 1 litro.

32,98
17,89  in stock
1 nuovo da 17,89€
Spedizione gratis
SCOPRI DI PIÙ
Amazon.it
as of Ago 24, 2019 01:21

Descrizione

  • [ BIOLOGICO EXTRA VERGINE ] : Olio di cocco extravergine 100% puro e nativo. Non Raffinato ed estratto dalla Polpa del Cocco. Spremuto a freddo a basse temperature per conservarne tutte le proprietà nutritive.
  • [ INFORMAZIONI NUTRIZIONALI ] : Ricco acidi grassi a catena media (MCT). Alto contenuto di ACIDO LAURICO. Privo di zuccheri, Zero Carboidrati e Senza OGM.
  • [ PRINCIPALI UTILIZZI ] :Scopri come utilizzare l'olio di cocco. Usalo sul corpo come crema idratante, sul viso come struccante naturale oppure come trattamento per i tuoi capelli. Utilizzalo in cucina per uso alimentare, adatto a tutti i tipi di cottura.
  • [ AROMI E CONSISTENZE ] : L'olio della NaturaleBio ha un delicato e piacevole profumo di cocco. Si scioglie a temperature superiori ai 23 gradi e può essere spedito in forma liquida o solida in base alla stagione. Può essere utilizzato in tutte e due le forme e mantiene tutte le sue caratteristiche benefiche e nutritive.
  • [ CERTIFICATO BIO ] : Certificazione Biologica emessa dall'organismo di controllo del Ministero delle Politiche Agricole - IT 014 Operatore Controllato 13084. Istruzioni ed Etichetta ITALIANA

Assenza di prodotti nocivi

Molte creme solari sono spesso ricche di sostanze chimiche e ingredienti come parabeni e solventi e, anche se contengono SPF per proteggere la pelle dai raggi UV nocivi, le sostanze chimiche possono causare effetti indesiderati. Inoltre, queste sostanze chimiche possono nuocere maggiormente a chi ha la pelle molto sensibile.

L’olio di cocco, invece, non contiene alcun ingrediente nocivo o chimico che può danneggiare la pelle: al contrario, l’olio di cocco aiuta la pelle a idratarsi durante l’esposizione al sole e anche dopo diverse ore dall’applicazione. Con l’olio di cocco la pelle non diventa secca e rugosa e il risultato finale è quello di un’abbronzatura dorata uniforme e luminosa.

Forma uno strato sulla pelle

L’olio di cocco è perfetto per la pelle: un massaggio con quest’olio rende la pelle molto più nutrita e morbida al tatto, e non serve utilizzare altre creme. Applicato da solo o con altri ingredienti forma uno strato protettivo sulla pelle e fa quindi da schermo solare.

Protegge dalle infezioni

Quando si sta sdraiati per ore sulla spiaggia per prendere l’abbronzatura, la pelle viene esposta ai vari germi e microrganismi che si trovano nei dintorni. L’olio di cocco ha dimostrato di avere caratteristiche antimicrobiche e antifungine che aiutano a proteggere la pelle ed evitano di essere colpiti dai germi presenti nell’ambiente.

Grazie all’acido laurico, l’olio di cocco è quindi efficace contro le infezioni e aiuta a prevenire la formazione di rughe e l’invecchiamento cutaneo mentre combatte funghi della pelle, dermatiti ed eczemi.

Olio di cocco per l'abbronzatura

Sguardo lucente

L’esposizione costante alla luce solare può rendere la pelle opaca e scura. Con l’applicazione dell’olio, di cocco, invece, lo sguardo è più intenso e luminoso, perché la pelle è ben idratata e nutrita dai componenti dell’olio. La pelle appare dunque più scura ma lucente.

Aiuta ad abbronzarsi più velocemente  

L’olio di cocco viene assorbito rapidamente dalla pelle e stimola la produzione di melanina, per cui l’abbronzatura è più rapida e veloce, senza il bisogno di stare a lungo sotto il sole.

No impedisce l’assorbimento della vitamina D

Uno dei problemi che comunemente si riscontra nei filtri solari è proprio quello legato alla vitamina D, che ne bloccano l’assorbimento e in parte anche la produzione. Con l’olio di cocco questo non succede perché non impedisce l’assorbimento della vitamina D

Modi di applicazione dell’olio di cocco sulla pelle

Utilizzare l’olio di cocco per applicarlo è abbastanza semplice. Basta prendere una discreta quantità e massaggiarlo su tutto il corpo spalmandolo bene in modo che l’olio penetri facilmente nella pelle. Se la pelle è molto sensibile, è meglio ricorrere ad un abbigliamento più protettivo e quindi anche un cappello o un ombrello sono efficaci per proteggere. Per unna buona idratazione e un’abbronzatura più veloce applicare l’olio ogni mezz’ora durante l’esposizione al sole. Per un buon olio, scegliere quello naturale e non con le varianti profumate e raffinate, che diminuiscono la caratteristica naturale del prodotto.

Tuttavia, è importante tenere presente che l’olio di cocco non è molto protettivo contro i raggi UV, soprattutto se ci si espone troppo a lungo sotto il sole. Quindi, per evitare danni alla pelle, è consigliabile anche l’utilizzo di una buona crema solare resistente all’acqua qualità con SPF 30 per ottenere una maggiore protezione. Per un risultato perfetto, mescolare la crema solare con olio di cocco prima di esporsi al sole.

Migliori olii di Cocco selezionati per te

Aspetta c’è ancora qualcosa da leggere:

10 Commenti

Aggiungi una risposta
  1. sono un fanatico fissato per l’abbronzatura.. passo 6 mesi l’anno in spiagia.. ogni anno testo diversi oli di marchi top.. quest0anno non sapendo cosa provare … sono andato di olio di cocco.. che dire.. impressioni… idrata la pelle in maniera eccezzionale.. la sera dopo 8 ore di sole sembra di non averlo mai preso elimina quella pelle che tira… luminoso in spiagia profumato e duraturo con bagni frequenti non và via.. haimè la nota dolente è che scherma troppo.. è come un spf6 l’abbronzatura dopo 1 settimana è restata la stessa nessun progresso.. come quando si usa la protezione.. purtroppo dovro’ tornare a i classici oli commerciali se voglio scurirmi di piu’..

    • Ti consiglio allora di provare gli intensificatori, quelli della Australian Gold dicono siano i migliori, non gli abbiamo ancora testati ma le recensioni sono in prevalenza positive, prova a guarda qui: https://amzn.to/2J8GjnC
      Ed in particolare questa lozione: Australian Gold, lozione abbronzante Deviously Black 45x

  2. L’olio di cocco non protegge abbastanza dai raggi solari…si può paragonare a un SPF 6. Io preferisco usarlo come olio dopo la doccia su pelle bagnata e sulle punte ancora umide dei capelli per rallentare la formazione delle doppie punte.

    • cavolo un spf6 non protegge abbastanza? e che pelle hai quella dei neonati che ti serve la 50? mhà.. io lo abbandono apposta perchè scherma troppo pensa te..

  3. Non uso gli oli perchè, spesso, già con la protezione alta mi ritrovo con dei danni, però l’idea di mescolarlo con la crema protettiva mi sembra carina 🙂

  4. Personalmente necessito di protezione altissima, quindi non utilizzo olii per espormi comunque poco al sole, ma le sue mille proprietà lo rendono un gran bell’ingrediente per tantissimi utilizzi!

  5. Ma gli oli non aumentano il rischio di ustioni se usati prima dell’esposizione solare? NOn sarebbe più sicuro usarlo insieme al doposole (o al suo posto) per migliorare la tenuta dell’abbronzatura?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *