I 12 errori da non commettere usando le spugnette Beauty Blender

Le spugnette Beautyblender sono ormai diffusissime nel mercato cosmetico, e questo perché perché riescono a stendere creme, lozioni, primers, fondotinta e correttori in maniera davvero efficace. Questi accessori sono ormai inclusi in tutti i kit dei professionisti appartenenti al settore del make up, ma spesso anche nei nostri, che, a differenza loro, non riusciamo a cogliere tutti i vantaggi di queste meravigliose spugnette.

Con l’uscita delle spugnette Beautyblender, lanciate nel mercato oltre 10 anni fa, sono arrivati anche innumerevoli tutorials su Youtube, che mostrano qual è il modo più corretto per sfruttarne il potenziale. Non si tratta di spugnette qualsiasi, come quelle a forma di triangolo reperibili in commercio anche al costo di 1.00 euro, ma di spugne professionali dal valore superiore alle 20.00 euro.

Spugnetta Beautyblender

Vale la pena di acquistare le spugnette Beauty Blender?

Assolutamente sì, visto che riescono a stendere e a rifinire il trucco, permettendo un finish aerografato davvero d’impatto, che solitamente non è possibile ottenere neppure mediante l’uso di pennelli davvero costosi. Non tutti però, sono capaci di trarre il massimo da questo accessorio cosmetico, ed è per questa ragione che nel seguente articolo vi sveleremo quali sono i 12 errori da non commettere assolutamente, quando si utilizzano le spugnette Beauty Blender.

1.Non dovete utilizzare la spugna quando è asciutta:

Quando la Beautyblender è umida, infatti, riesce a miscelare in maniera naturale i prodotti spalmabili, creando un gradevolissimo effetto brillante, che mette in risalto i lineamenti, rendendoli più dolci.

2. Non dovete lasciare che la spugna diventi secca:

Non basta, quindi, che inumidiate la Beauty Blender  qualche secondo prima di iniziare la fase di make up. E’ necessario mantenere vicino a voi un bicchiere con dentro dell’acqua, meglio se minerale, che possa bagnare costantemente la spugna, affinché rimanga idratata. Se l’acqua non vi basta, procuratevi il nuovo spray rilasciato dalla casa produttrice, che ha come unica finalità quella di mantenere la spugna umida.

 3. Non dovete pulire la spugna soltanto una volta a settimana:

Dovete, infatti, assicurarvi che la spugna Beautyblender sia perfettamente pulita dopo ogni uso. Dopo il lavaggio, dovete obbligatoriamente inserirla all’interno del suo specifico cilindro in plastica, che si assicurerà di mantenere la spugna perfettamente asciutta fino a quando non deciderete di utilizzarla di nuovo.

4. Non dovete strizzarla con aggressività:

Nonostante pulire e lavare la vostra Beautyblender debba diventare un’azione quotidiana, dovete assicurarvi di maneggiarla con cura, in quanto è possibile si strappi. Se avere le unghie molto lunghe, ad esempio, rischiate che queste possano tagliarla, compromettendola definitivamente. Durante i lavaggi, dovete inzupparla completamente, aggiungere il detergente e sciacquarla strizzandola in maniera davvero delicata, senza essere troppo aggressive. E no, non è possibile metterla in lavatrice!

5. Non dovete lasciare che le macchie ostinate rimangano:

Se dovete riporre la vostra Beautyblender, dovete farlo soltanto quando la spugna è perfettamente priva di macchie. Se alcune sono davvero ostinate e non sapete come rimuoverle, potete lasciare la vostra spugnetta a mollo all’interno di una vaschetta colma di acqua pulita e di detergente, per poi sciacquarla prima del prossimo uso.

6. Non dovete mettere la spugna all’interno di un beauty case:

Se siete amanti dell’ordine e pretendete che tutti i vostri trucchi stiano perfettamente all’interno di una valigetta o di un beauty case, dovete purtroppo frenare le vostre fisime, visto che la Beautyblender deve assolutamente essere riposta all’interno del suo cilindro in plastica. Ma come mai? Beh perché, a causa della mancanza di luce e di ossigeno, è molto probabile che la spugna sviluppi muffe e batteri pericolosi per la pelle e per l’organismo in generale.

Vai alla seconda parte

Indietro1 di 2
Articolo diviso in diverse parti

Scritto da Clarissa Cusimano

Copywriter, content editor e social media manager, studio comunicazione e amo i viaggi, il cinema e il buon cibo.

20 Commenti

Aggiungi una risposta
  1. Io ho quella di Purobio che viene venduta in una confezione di carta che non può essere più utilizzata perché aumenta di volume quindi dove la dovrei mettere?

  2. Io Amo la Beauty Blender e da quando l’ho provata non posso più farne a meno!!!
    Quando la uso però non mi limito ad inumidirla come hai scritto tu, ma la bagno totalmente, immergendola nell’acqua, poi ovviamente la strizzo con cura. Più la spugna è bagnata, e più il risultato sulla pelle del fondotinta (io la uso principalmente per quello) sarà naturale..-e anche ovviamente un po’ meno coprente, ma vi assicuro che con nessun altro prodotto avreste una resa così naturale. Sono d’accordissimo invece ad usarla anche per le polveri e non solo per i prodotti in crema… in particolare mi trovo bene a sfumare blush e terre (dopo averlo già fatto col pennello), i prodotti si fondono decisamente meglio all’incarnato.
    Devo ammettere però che io non la lavo frequentemente e a fondo come dici… essendo così delicata rischierei di rovinarla prima del tempo della sua dipartita, inoltre per pulirla a fondo ci vuole veramente tantissimissimo tempo! …troppo per la mia vita frenetica purtroppo!
    Interessante l’idea di utilizzarle anche per stendere creme e struccarsi, magari prima o poi lo farò.
    Sono d’accordo che quella bianca sia la migliore da comprare, per il fatto che non contenga coloranti, tuttavia a me la Beauty Blender piace anche esteticamente, ed oltre ad essere davvero innamorata di quella fucsia, ho acquistato anche il Bling Ring, per riporla in bella vista sullo scaffale del bagno. E’ sì, perché purtroppo il suo cilindro originale non è abbastanza fashion XD
    Recentemente ho acquistato anche quelle verdi piccoline, ed adoro anche loro… insomma… che mondo sarebbe senza Beauty Blender? (Nutella fatti da parte, che anche se probabilmente ti amiamo di più, ci fai diventare più grasse, invece la Beauty Blender ci rende più belle XD)

  3. Innanzitutto vorrei ringraziarti per questo bellissimo articolo, davvero interessante e dettagliatissimo. Da un po’, ormai, di BeautyBlender si parla tantissimo; è una spugnetta che, nella sua semplicità, ha rivoluzionato il mondo del make-up. Io, però, faccio parte di quelle ragazze che non hanno ancora ceduto alla tentazione, seppur fortissima, di acquistarne una; forse proprio perché, come hai dettagliatamente spiegato nel tuo articolo, necessita di tantissima “manutenzione” e va trattata con un occhio di riguardo rispetto ai pennelli tradizionali. E poi c’è il prezzo, ovviamente, è un po’ altino anche considerando che va cambiata ogni tre mesi circa. Nonostante queste remore credo proprio che alla fine mi lascerò convincere e ne acquisterò una, anche perché tutte le ragazze che le hanno provate ne sono veramente entusiaste, e il suo poter essere usato in svariati modi le rende veramente dei jolly super versatili. Per quanto riguarda le imitazioni, devo dire che, come hai specificato anche tu, ce ne sono di qualità veramente scadente, che non convengono in nessun modo, ma ce ne sono anche altre di uguale qualità (anche Dior ne ha prodotta una) che credo possano essere degne sostitute.

  4. Avevo aperto una discussione a proposito della beauty blender, io a differenza di tante altre ra non mi co trovo! Mah! Cmq hai dato delle belle dritte con questo articolo.Brava!

  5. Ottime “dritte” sull’uso di questo strumento magico! Io mi sto approcciando da poco all’uso delle blender, possiedo quella di PuroBio che è di ottima fattura e in un elegantissimo colore nero…Mi trovo divinamente poichè stende correttori e fondotinta “tamponando” ed impedendo l’accentuarsi di screpolature e disidratazioni varie…Diverse amiche in questo periodo mi stanno chiedendo suggerimenti per le blender ed io non posso che consigliarla perchè velocizza e dona effetti che con i pennelli differiscono!Prima o poi mi concederò anche l’originale, spero!!:-)

  6. Questa spugnetta è un must, super famosa e super utile, peccato che il prezzo sia un po alto, ma considerando le sue qualità viene anche voglia di spendere qualcosina in più, siamo sincere! Ho visto spesso video di diverse YouTuber e Blogger su questo gioiellino, e ho scoperto che ad oggi hanno messo sul mercato anche una versione mini mini ottima per raggiungere alcuni punti critici del viso in modo ancora più semplice e veloce (ad esempio nelle pieghe tra il naso e le guance)… ci sono poi anche le versioni “pezzotte” come si dice dalle mie parti ha ha ovvero le false, che però non sono poi tanto differenti dall’originale; certo, ci sono quelle proprio pessime e quelle che invece più o meno fanno un buon lavoro.. credo che queste ultime possano essere una buona alternativa meno costosa delle originali..ma a parte ciò la Beauty blender è assolutamente da provare! Grazie mille per l’articolo oltre che interessante anche più che utile!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Palette Nude NYC

NYC: Palette Individual Eyes numero 945, Pink Nudes

Dior collezione make up estate 2016

Dior make up “Milky Dots” estate 2016