Come pulire i pennelli da trucco: tutti i metodi e quale scegliere

Dietro un bel make up c’è sempre un  buon pennello. Meglio se pulito a fondo, con i prodotti e i tempi giusti. Ma se per molti pulirli è un’azione ostica da relegare a poche volte in un anno, in realtà la pulizia dei pennelli è fondamentale per mantenerne intatte le capacità. Per questo è opportuno conoscere tutti i metodi per pulirli al meglio.

Con il tempo il mondo beauty si è adeguato alla necessità di lavare i pennelli risparmiando tempo e fatica. Non solo acqua e sapone, dunque, ma anche oggetti pratici e innovativi: dai guanti ai tappetini, passando per i saponi a secco e le lavatrici per pennelli.

Scopri con noi quali sono i migliori metodi per pulire i pennelli trucco e quali scegliere per una pulizia rapida ed efficace.

Pulizia dei pennelli: tutti i metodi per setole sempre perfette

Pulire i pennelli è sempre noioso e stancante, vero? Non hai tutti i torti: proprio come i capelli umani, le setole di cui sono formati necessitano di cure costanti per mantenere intatte nel tempo le loro capacità.

Un pennello sporco può contenere una giostra di elementi poco simpatici che potrebbero rovinare non solo le setole ma anche la tua pelle come:

  • Batteri;
  • Residui di sebo;
  • Cellule morte;
  • Sporcizia e polvere;
  • Make up di diversi colori e consistenza.

Per intenderci, non potrai mai avere la sfumatura di colore che più desideri se ti ostini ad utilizzare un pennello sporco, colmo di pigmenti che uniti formano l’arcobaleno più sgangherato che tu possa conoscere.

Armati quindi di tempo e pazienza. E leggi quello che sto per dirti: tra questi metodi ci sarà sicuramente quello che fa al caso tuo.

Acqua e sapone

Il metodo più economico. Tramandato di generazione in generazione, ancora di salvezza persino dei più acclamati MUA professionisti, il connubio acqua e sapone è sempre un buon punto di partenza per lavare i pennelli.

L’acqua, rigorosamente tiepida e mai calda, crea con il sapone un’emulsione efficace. Il sapone per pulire i pennelli deve però:

  • Essere neutro, formulato con un pH tale da non interferire con la salute delle setole. In questo caso è molto valido il classico detergente intimo, la cui delicatezza pulisce e al tempo stesso rispetta le setole nella loro integrità;
  • Avere una formulazione delicata, meglio se naturale o biologica. Usa detergenti privi di sostanze aggressive, i tuoi pennelli ringrazieranno sentitamente.

Quale sapone per pennelli scegliere? Meglio solido o liquido? Se il liquido è sempre comodo e facile da utilizzare, in realtà per pulire i pennelli è meglio optare per un sapone solido. La saponetta e il classico sapone di Marsiglia sono un must per i pennelli: la loro superficie solida permette di risparmiare tempo e prodotto, evitando inutili sprechi.

In commercio esistono però dei saponi solidi specifici per i pennelli. Proprio come quelli proposti da Sephora e Da Vinci. Il primo è contenuto in un pratico pot con micro tappetino texturizzato in dotazione, il secondo è invece completamente vegano.

Sapone pulizia pennelli

Guarda la scheda di questo prodotto su Sephora.it

Latte detergente

L’alleato preferito durante lo struccaggio è in realtà un ottimo detergente per pulire i pennelli. Scioglie il make up, rimuove lo sporco, i residui di sebo e cellule morte con una semplicità ammirabile. Perché quindi non utilizzarlo per pulire il nostro pennello?

Ti basta versarne un po’ in un piccolo contenitore e intingervi per qualche minuto il pennello precedentemente inumidito. Sciacqua e lascia asciugare: avrai pennelli perfettamente puliti e setole ultra morbide!

Shampoo

Le setole sono come i capelli: bisognose di cure, non amano lo sporco e se non si puliscono tendono a rovinarsi.  Lo shampoo un buon metodo di pulizia dei pennelli, soprattutto se specifico o con una formulazione delicata, ideata per il trattamento dei capelli sensibili.

Usane uno biologico o naturale, privo di parabeni e siliconi. Otterrai non solo un pennello pulito, ma setole migliorate e durature nel tempo. Il procedimento è uguale a quello del sapone: bagna il pennello, friziona nello shampoo con movimenti lenti e circolari e risciacqua con acqua tiepida.

E il balsamo? Sono molti i pareri controversi in merito: c’è chi sostiene sia un plus per setole morbide e lucenti. Altri invece reputano il suo uso superfluo nonché dannoso, poiché le rende incapaci di prelevare e sfumare i vari prodotti.

In realtà il balsamo può essere tranquillamente usato sui pennelli ma con una certa parsimonia. Versane giusto un po’ dopo il lavaggio e risciacqua. Ricorda, però, che anche senza un pennello ben pulito conserva tutta la sua naturale morbidezza.

Alcool

Disinfettante per eccellenza, l’alcool agisce sui pennelli in breve tempo eliminando pigmenti, sporcizia e batteri in eccesso. Viene solitamente usato nella versione pura denaturata al 99%, apprezzato anche dai professionisti del settore che lo versano su una salvietta con la quale tamponano i pennelli che verranno poi asciugati con una velina.

Risultato: il pennello è pulito, pronto all’uso e le setole perfettamente intatte. Usalo se vuoi pulire i pennelli tra un’applicazione e l’altra, senza risciacquo.

Salviette struccanti per pennelli

Pratiche e comode, sono il metodo più veloce per pulire i pennelli anche quando si è fuori casa. Progettate per una pulizia dei pennelli prettamente express, le salviette sciolgono le impurità grazie ad una formulazione specifica.

Puoi utilizzare le comuni salviettine struccanti o scegliere quelle specifiche per la pulizia dei pennelli. Confezionate singolarmente, hanno una superficie texturizzata che rimuove efficacemente pigmenti e sporco del pennello. Ti basta frizionarlo per un paio di minuti e poi asciugarlo con una velina per avere setole pronte all’uso e perfettamente pulite.

Brush Cleanser

Ne esistono di due tipi:

  • Brush Cleanser liquido o in gel con risciacquo;
  • Brush Cleanser spray senza risciacquo.

A cambiare è sostanzialmente il formato. Il classico detergente per pennelli è formulato per lavare i pennelli su superfici specifiche, dimezza i tempi di pulizia e preserva nonché migliora la salute delle setole. La formulazione è delicata, specifica per il trattamento del pennello: rimuove ogni residuo di sporco con totale efficacia.

 

Il detergente in spray è invece comodo se non si ha molto tempo a disposizione. Pensiamo ad esempio ai MUA durante le sfilate: il tempo è poco e la necessità di avere pennelli sempre puliti tanta. Basta spruzzare un detergente senza risciacquo per ottenere pennelli puliti e pronti all’uso. Rapido, efficace, comodo. Praticamente un must.

Dischetto esfoliante

Hai capito bene: puoi pulire i pennelli con uno strumento specifico per la pulizia del viso. Il dischetto esfoliante può infatti penetrare a fondo tra le setole sfruttando al massimo la texture di cui dispone.

Usane uno in silicone, versaci sopra un detergente specifico e friziona il pennello inumidito. Goditi lo spettacolo: la sporcizia viene via facilmente, le setole tornano come nuove. Risciacqua e lascia asciugare. Massima resa con una minima spesa.

 

BrushEgg

Il simpatico ovetto per pennelli è la star di tutti i metodi. Dimensioni contenute, praticità garantita e risultati ottimali sono i suoi punti forti. Oltre che un prezzo a dir poco convincente.

Dispone di una doppia faccia: una concava per permettere l’impugnatura direttamente con le dita, l’altra texturizzata per pulire a fondo ogni tipo di pennello. Utilizzarlo è facile come ti spiego qui, il suo uso apprezzato da chi lo ha provato (leggi qui la recensione).

In realtà il BrushEgg è indicato per la pulizia dei pennelli piccoli, come quelli per occhi e labbra. Sebbene faccia il possibile per detergerli a fondo, con i pennelli più grandi risulta un po’ scomodo. Valuta quindi il suo acquisto in base alle tue necessità.

Tappetino

Fissato al lavandino o impugnato con la mano, può rivelarsi l’asso nella manica durante la famigerata pulizia dei pennelli. Forma e dimensione variano in base al modello: quello standard è ampio, realizzato in silicone morbido e caratterizzato da una superficie texturizzata che permette diverse fasi di pulizia, dal prelavaggio al risciacquo.

Il più famoso è quello ideato da Sigma Beauty, leader nella produzione di prodotti per la pulizia dei pennelli. Proposto in due diverse varianti, offre una praticità d’uso senza eguali per tutti i tipi di pennelli.

Esistono poi le palette, tappetini più compatti da impugnare con il palmo della mano come nel caso del tappetino Real Techniques. Le texture della superficie puliscono tutti i tipi di pennelli, permettendo un notevole risparmio di tempo e fatica. Ti spiego come utilizzare i tappetini nell’articolo dedicato. Sceglilo se vuoi lavare i tuoi pennelli con facilità e in tempi ridotti.

Guanto

L’antenato del tappetino. Si indossa facilmente, solitamente è caratterizzato da una superficie ergonomica in silicone morbido sulla quale sono poste diverse texture specifiche per ogni tipo di pulizia.Può avere uno o due pollici in base al modello. Sigma ne propone due: uno per la pulizia express, l’altro con due pollici per agevolare la simultanea pulizia di più pennelli.

Interessante anche la versione in tessuto, proposta da Sephora con Make Up Eraser. Pulisce il pennello senza l’uso di prodotti chimici, basta versare un po’ di acqua sulla sua superficie per rimuovere ogni residuo di make up.

Per saperne di più: collegati alla scheda prodotto

Practk Palmat

E’ un prodotto brevettato da Sigma, ricorda vagamente un palmare ma è in realtà un cuscinetto 2 in 1 per la pulizia dei pennelli. Piccolo e pratico, può essere utilizzato in due modi:

  • Fissato sul lavandino tramite l’ausilio di piccole ventose poste sul retro, come un tappetino;
  • Indossato sul palmo della mano, come un guanto dalle dita scoperte;

Quattro le texture a disposizione, ideali per pulire ogni tipologia di pennello.

Spugna detergente per pennelli

Il concetto è quello del levasmalto istantaneo. Intingi il pennello, lo rimuovi et voilà: lo sporco non c’è più! La spugna a secco è un metodo rapido per pulire i pennelli prettamente portatile. Sostituisce il classico sapone, facendo leva su una superficie spugnosa texturizzata imbevuta di detergente.

Rimuove tutti i pigmenti colorati dal pennello, non necessita di risciacquo ed è riutilizzabile. Comodità allo stato puro.

Make Up Brush Cleaner and Dryer

Il brevetto originale è firmato Stylpro ed è subito divenuto un caso di successo internazionale grazie all’intuizione di sfruttare la forza centrifuga per pulire e asciugare i pennelli in soli 30 secondi. L’apparecchio è caratterizzato da una base sferica in plastica dove miscelare acqua e detergente, una spazzola elettrica alimentata a pile e otto adattatori per agganciare i vari tipi di pennelli al corpo centrale.

Il funzionamento è molto semplice: si collega il pennello mediante adattatore alla spazzola elettrica, la si aziona ed ecco che la magia è presto compiuta. Il pennello viene pulito a fondo tramite centrifuga, stesso meccanismo per l’asciugatura. In trenta secondi il gioco è fatto: pennello morbido e asciutto come appena comprato. L’originale lo trovi in vendita su Sephora ma se preferisci provare l’efficacia di questo speciale apparecchio puoi valutare i dupe. Su Amazon ne trovi di tutti i tipi e qualità.

STYLPRO Makeup Brush Cleaner and Dryer

49,95
SCOPRI DI PIÙ
Sephora.it
as of Set 12, 2018 15:26

I professionisti consigliano di pulire regolarmente i pennelli da trucco. I metodi tradizionali sono laboriosi, complicati e lasciano i pennelli bagnati, quindi inutilizzabili, talvolta per più di 24 ore! Stylpro lava e asciuga i pennelli in 30 secondi! Come si utilizza? Stylpro è estremamente facile da usare. Basta fissare il pennello su uno degli 8 adattatori appositi. Grazie alla forza centrifuga, i pennelli vengono prima lavati, poi asciugati. E tutto in soli 30 secondi!

Lavatrice per pennelli

Forma ovoidale, aspetto spaziale. Non è una navicella ma Lilumia Clean Brushes, l’innovativa lavatrice per pennelli ideata dalla modella Fierra Cruz. Il suo meccanismo è simile a quello del Stylpro ma con una sostanziale differenza: i movimenti effettuati somigliano a quelli del Clarisonic, precisi e mirati alla pulizia e asciugatura dei pennelli.  Può lavare fino a dodici pennelli alla volta in soli 15 minuti.

Basta versare acqua e detergente nella base e azionare il dispositivo. Lilumia fa tutto lei, come una vera lavatrice. Unico neo? Il prezzo: ben 150 euro quello di partenza. Ma c’è chi giura non se ne possa più fare a meno dopo averla utilizzata.

 

Pulizia dei pennelli fai da te

Tutto ciò di cui avrai bisogno sarà:

  • Sapone antibatterico;
  • Un piattino o una piccola ciotola;
  • Un paio di asciugamani.

In alternativa, potete anche scegliere dei prodotti più specifici, come l’alcool al 99%, un detergente professionale per pennelli o un disinfettante.

  1. Prima di tutto, utilizzate acqua tiepida. Bagnate i vostri pennelli con le setole rivolte verso il basso, in modo che l’acqua non vada ad intaccare la colla del manico.
  2. Posizionate una noce di sapone nella vostra mano mentre con l’altra mantenete il pennello nella corretta posizione. Con dei leggeri movimenti circolari cominciate a pulire le setole. Massaggiate bene tra le setole e fino alle punte.
  3. Adesso il risciacquo. Riaprite l’acqua e strizzate via il sapone, gentilmente mi raccomando o finirete con lo strappare i peli. Se vedete che dalle setole gocciano ancora tracce di make up, ripetete la pulizia finché il pennello non sarà del tutto deterso. Quindi, tamponatelo con l’asciugamano.
  4. Per una pulizia ancora più accurata e completa, potete utilizzare uno dei prodotti più specifici sopra citati. Versatelo nel piattino e immergete le punte nel prodotto fino a circa la metà. Immergerlo completamente non sarà necessario, in quanto le setole muoveranno naturalmente il prodotto verso l’alto. Ruotate poi il pennello qualche volta sull’asciugamano e ripetete l’operazione. L’alcool e il disinfettante sono alleati essenziali per la rimozione di batteri e funghi, ma possono anche seccare molto i peli dei vostri strumenti. Per questo, utilizzate ogni tanto e sempre con moderazione anche un prodotto ammorbidente o idratante.
  5. Una volta finito, ridate una forma corretta alle setole e lasciatele a riposo sull’asciugamano. Quando i pennelli saranno completamente asciutti, riponeteli pure nel vostro kit.

Come vedi non hai più scuse per non lavare i pennelli. Esiste un metodo per ogni esigenza ma adesso vogliamo sapere il tuo: cosa utilizzi per lavare i pennelli? Diccelo con un commento. 😉


Potrebbe interessarti anche:

Scritto da Miss B.

Barbara Isaia-

''Un giorno qualcuno mi allungò una penna. La osservai, me la rigirai tra le mani chiedendomi cosa me ne facessi di una semplice penna.
Poi la posai su un foglio. Il resto venne da sé.''
Gattara incallita. Amante delle cose buone della vita: cibo, scrittura, lettura, bellezza. Di questa scrivo ogni tanto qualcosa, raccontandola da mille prospettive diverse.
Non credo nei miracoli. Credo nella capacità di trasformarsi ogni giorno. Con qualsiasi mezzo. Make up incluso.

18 Commenti

Aggiungi una risposta
  1. Molti prodotti non li conoscevo nemmeno io. Anche io utilizzo il SAPONE DI MARSIGLIA classico che si trova al super mercato a pochi euro e quando ho tempo, per i pennelli più grandi, utilizzo il balsamo.
    CONSIGLIO anche la lacca per capelli o il gel una volta lavati per evitare che le setole si aprano.
    Per una pulizia veloce dei pennelli più piccoli e quando si ha molta fretta un prodotto chiamato AVIO che si trova sempre al supermercato (es. Tigotà, Acqua&Sapone) nel reparto smacchiatori. Mettete 2 dita di prodotto in un barattolo di vetro tipo marmellata che si può richiudere e intingete il pennello per 5 secondi, estraetelo e con un pezzo di carta asciugate il setole. Chiudete il barattolo che può essere riutilizzato. Fa puzza lo so, ma funziona!

    • Grazie per il tuo utilissimo consiglio, Cate! 🙂 E’ sempre un piacere scoprire metodi sempre nuovi, ben vengano quindi proposte anche un po’ più ”puzzolenti” ma efficaci 😉

  2. Davvero interessante, alcuni metodi non li conoscevo proprio. Di solito uno anch’io una saponetta neutra, ma credo che la prossima volta proverò con il latte detergente.

  3. Concordo assolutamente con la centralità di buoni pennelli per un make-up impeccabile e sull’importanza di tenerli puliti. Io prediligo sapone neutro e asciugatura all’aria, ma sto valutando il tappetino. A volte uso anche shampoo, balsami o struccanti che non mi hanno soddisfatta, per non sprecarli. Mi attira molto la spugna detergente ad immersione, anche se si impregna e sporca dopo un po’.

    • Il tappetino è la comodità fatta oggetto! Come già ti avevo detto è un acquisto che conviene fare, risolve davvero la vita durante il lavaggio dei pennelli, provare per credere 😉
      Per la spugna detergente ad immersione purtroppo c’è anche questo aspetto da considerare. E’ un po’ come il levasmalto, prima o poi va cambiato ma per chi predilige una pulizia express non è malaccio. 🙂

  4. Telepatia! Finisco ora di leggere il tuo articolo e proprio oggi pomeriggio ho preparato un’articolo/review sulla pulizia dei pennelli e la Cleansing Palette per Instagram:-)))))Come sempre ottimo lavoro Miss, e concordo, non ci sono davvero scuse per non lavare i pennelli, ne va della resa sul makeup e della salute della pelle!

    • Ahahahahahah, Sun! 🙂 Carinissima come tuo solito, grazie mille :-* Ps: su Instagram non entro da un po’, appena posso leggerò i tuoi post al riguardo promesso 😉

  5. io utilizzo un sapone liquido per le mani oppure la saponetta che uso per il viso.. il tappetino lo prenderò mentre la lavatrice per i pennelli l’avevo già vista ma la ritengo più adatta ad un centro estetico..

    • La lavatrice è già uno strumento più avanzato, anche secondo me vale la pena possederla solo se si è proprietari di un centro estetico o comunque quando si lavora giornalmente con i pennelli (MUA in primis ed esperti del settore).

  6. io utilizzo tonici con inci brutti che mi ritrovo a casa a detergenti viso altrettanto brutti, così per non sentirmi in colpa di aver speso male i soldi uso questi prodotti in modo intelligente.
    devo dire che in questo modo mi trovo abbastanza bene e tornano puliti e con le setole molto morbide.

  7. Si…anch’io li pulisco in questo modo e a volte (me lo consigliò un’amica) li ammorbidisco con una piccola goccia di ammorbidente per le robe. Una volta ho utilizzato un po’ di balsamo per capelli e ha funzionato. Li ha resi morbidi morbidi!!

Lascia un commento

I migliori set di Pennelli da trucco low cost

swatch Ombretto e liner Colorful di Sephora

Recensione Ombretto e liner Colorful di Sephora