Beauty Tips In evidenza

Zona T: cos’è, quali sono le cause e i sintomi

La zona T è per molte donne una croce. Parte del viso esposta agli agenti esterni, che tende ad apparire troppo secca o troppo grassa. Via libera allora con i rimedi naturali, i prodotti acquistati in profumeria od online e a strati di make-up per nascondere tutto e rendere la pelle bellissima e uniforme.

Ma co’è la zona T, quali sono le cause e i sintomi principali? Un articolo di approfondimento, presto seguito da testi un po’ più specifici dedicati al makeup e l’opacizzazione della zona.

Quando si parla di zona T ci riferiamo a quella parte del viso che comprende fronte, naso e mento. Non è una patologia o un problema estetico ma semplicemente una zona specifica, più o meno soggetta a essere molto grassa o molto secca.

Viene tirata in ballo però quando la pelle non è uniforme al resto del viso. Ecco perché si parla normalmente di rimedi naturali per la zona T o prodotti per la zona T. E’ una delle zone più colpite ed esposte e sono tante le donne e gli uomini che lamentano la presenza dei punti neri, dei brufoli o della pelle molto secca che crea delle anestetiche scagliette di pelle morta. Curare la pelle giornalmente è importante per evitare questo tipo di problema.

Zona T
Fonte immagine: hiruscar.vn

Pelle secca o grassa? Cause e sintomi associati

La zona T può essere grassa o secca. Sintomi e cause perciò cambiano e devono essere analizzate separatamente. Alla base c’è però un fattore comune. L’aspetto della nostra pelle dipende molto dalla predisposizione genetica. Perciò la causa è spesso indipendentemente dallo stile di vita e la cura che riserviamo al nostro aspetto.

Zona T grassa: cause e sintomi

La pelle grassa su naso, fronte e mento si riconosce subito. Al tatto è untuosa e irregolare, a vista spenta e oleosa. Appaiono i punti neri, pori molto dilatati e brufoli. Alcune volte può apparire particolarmente arrossata, proprio per la sua elevata sensibilità. Non dimentichiamo poi la predisposizione all‘acne e la dermatite seborroica.

Fisiologicamente la pelle grassa ha una produzione eccessiva di sebo. Le ghiandole sebacee lavorano più del dovuto, sia per motivi genetici e ormonali sia, come vedremo tra poco, a causa di comportamenti errati.

  • Tra le controindicazioni di alcuni farmaci, come i cortisonici per esempio, c’è appunto quella di stimolare eccessivamente la secrezione sebacea.
  • La scelta sbagliata di cosmetici può portare la zona T a essere più grassa rispetto al resto del viso. Prodotti di bassa qualità o semplicemente inadatti alla nostra pelle. Basta pensare all’uso di detergenti aggressivi su una pelle molto sensibile.
  • L’alimentazione anche se non è un fattore decisivo, può favorire la sua comparsa. Incriminati i cibi molto grassi e quelli spazzatura consumati in grandi quantità e in modo regolare.

Una zona T lucida è più comune da vedere rispetto a quella secca che vediamo subito!

Zona T secca: cause e sintomi

I sintomi della zona T secca sono facili da rintracciare. L’epidermide infatti appare disidratato e ingrigito, possono esserci desquamazioni più o meno importanti. Al tatto è ruvida e fragile. Fisiologicamente parlando il sebo e l’acqua sono presenti in quantità inferiori a quelle richieste per avere una pelle bella e in salute.

Le cause possono essere tante, come per esempio un’esposizione eccessiva e prolungata al sole senza l’uso delle idonee protezioni. Anche il freddo però può provocarla, così l’aria condizionata o il riscaldamento troppo alto. Può dipendere, così come la pelle grassa, da una predisposizione genetica, dall’uso di alcuni farmaci oppure da patologie come la psoriasi o l’ipotiroidismo. Infine giocano un ruolo abbastanza importante i cosmetici sbagliati e un’alimentazione povera di frutta e verdura.

Zona T mista

Infine c’è la zona T mista, un po’ grassa e un po’ secca. Appare come a chiazze, non uniforme. In alcune parti possono esserci le desquamazioni, in altre invece alte quantità di sebo e arrossamenti.

Zona T unta o secca, come risolvo il problema?

I due tipi di pelle devono essere trattati in modo differente l’uno dall’altro (rintracciando prima di tutto la causa). Esistono però alcuni punti in comune ed è importantissima la corretta idratazione. Aiuta poi uno stile di vita sano, dove il fumo è bandito e l’alcol ridotto a rare occasioni. Dove l’alimentazione è sana e si pratica una buona attività fisica.

Come idratare correttamente la pelle

Sia che si parli di pelle secca, grassa o mista l’idratazione gioca un ruolo fondamentale. Mantenere la pelle pulita grazie all’uso di prodotti idonei permette di tenere sottocontrollo il problema, alleviando i sintomi e donando un aspetto molto più luminoso e bello.

La pelle grassa deve essere idratata, ma in modo molto delicato. E’ sbagliato per esempio lavare spesso la pelle. Si può pensare che l’acqua aiuti a togliere il sebo in eccesso e magari il risultato iniziale lo conferma. Il problema invece è che lavare troppo spesso la pelle, stimola ulteriormente la produzione di sebo. Un buon rimedio naturale è dato dal sapone di Marsiglia. Toglie il sebo in modo delicato, pulisce i pori ma non li occlude.

Una zona T secca deve essere curata con saponi delicati, evitando di effettuare trattamenti frequenti come scrub e peeling. Molto meglio stimolare la produzione del collagene grazie a maschere nutrienti. Un ottimo rimedio naturale è l’olio di jojoba.

La zona mista invece, richiede un’attenzione ulteriore perché deve essere trattata in modo diverso in base alla zona. Per le aree grasse è utile una maschera d’argilla, per quelle secche invece, prodotti come l’olio di jojoba o di lino. In linea generale deve essere nutrita in modo moderato e le detersioni non devono essere eccessive.

Un suggerimento è quello di valutare quale tipo di pelle predomina nella zona T mista. E’ principalmente secca o grassa? In base a questo, è importante scegliere prodotti e cosmetici adatti al problema di maggior rilievo.

Info autore

ClaudiaL51

Esperta di estetica e benessere, blogger che non si stanca mai di scrivere di tutti quei temi che la appassionano. Dal make-up ai viaggi che faccio in giro per il mondo!

12 Commenti

Clicca qui per commentare

Adv

Profilo

Close
*
*

ADV